amore odio

amore odio

2 Gennaio 2018 0 Di Matteo

Due sentimenti umani in forte contrapposizione tra loro che non ci saremmo aspettati di trovare nel lessico di Gesù Cristo. Una sorpresa che si fa ancor più grande e incomprensibile per tutti coloro che coltivano una visione irenica, buonista e fantasiosa della persona di Gesù, che non risponde affatto alla figura dell’uomo forte e deciso che ci viene narrato negli evangeli.

I quattro evangelisti ci presentano un uomo dai forti convincimenti, senza mezze misure, non disposto all’inciucio nè al dialogo disteso fine a sé stesso, ma un uomo con la schiena dritta e con uno schieramento di campo netto senza se e senza ma.

In ragione di ciò la sua persona è stata fatta oggetto di amore-odio, così come il suo parlare schietto e franco che esigeva o il rifiuto o l’obbedienza, una scelta di campo netta, o con Lui o contro di Lui. I suoi seguaci non potevano né dovevano essere da meno del loro Maestro. Una volta messosi alla sequela di Gesù non c’è più tempo nè luogo per ripensamenti di sorta. Una volta posto la mano all’aratro – disse loro in una circostanza – non bisogna voltarsi indietro.

Gesù non nasconde ai suoi, ai quali ha appena insegnato il comandamento dell’amore fraterno, che sarà riservato loro un trattamento simile a quello del loro Maestro e Signore. Come hanno amato lui ameranno loro, come hanno odiato lui odieranno loro. È tutto ciò per delle ragioni che Gesù non sottace. Egli infatti reputa il comportamento colpevole dei suoi contemporanei nei riguardi suoi e del suo parlare, come qualcosa di inescusabile.

“Se non fossi venuto e non avessi parlato loro … Se non avessi fatto tra di loro le opere che nessun altro ha mai fatte, non avrebbero colpa; ma…”

INESCUSABILE! Ecco il verdetto senza appello che Gesù decreta sulla sua generazione che altrove definisce incredula e ribelle. Ma che amava ed era venuto a salvare! E tu, puoi dire di meritare un verdetto diverso? In Gesù anche per te c’è speranza di perdono e di salvezza. Ora!

Leggi Vangelo s. Giovanni 15,17-27