Poi Dio il SIGNORE disse: «Non è bene che l’uomo sia solo; io gli farò un aiuto che sia adatto a lui» (Genesi 2,18)

L’8 marzo è un giorno speciale in cui ricordare ciò che di speciale e unico ci riserva la vita. Ve lo immaginate un mondo in bianco e nero, fatto di soli uomini e/o di sole donne? Il progetto di Dio per l’umanità è ricco, variegato, bisex.

La donna è l’espressione del bene che Dio ci vuole, non è il frutto di un secondo pensiero, ma l’espressione di un proposito pensato e attuato. La donna è il pensiero maturo di Dio, non un ripiego! E’ l’espressione di una precisa volontà che non è funzionale all’uomo, ma, come tutte le cose e le persone create, è funzionale a Dio e alla sua sola gloria.

La donna e l’uomo sono chiamati a vivere in funzione del Creatore e non di sé stessi. La donna trova la sua piena umanità e dignità in Dio e non nel riconoscimento che gli può venire dagli uomini e dalle loro leggi. Nell’esercizio delle sue più diverse prerogative è a Dio che risponde innanzi tutto e solo poi ai suoi simili. Ogni idea di subordinazione della donna dettata da inferiorità è da respingersi con forza, mentre le va riconosciuta pari dignità e responsabilità nello svolgimento dei compiti che Dio ha affidato tanto alla donna quanto all’uomo.

La donna è un bene d’amore (da parte di Dio), perciò le dobbiamo (da parte nostra) un bene d’amore!

La donna rappresenta per l’uomo la possibilità di vivere e agire per qualcuna che gli corrisponde, e non solo in funzione di sé stesso da narciso e da egoista. Lo stesso deve dirsi della donna, la quale però non perde scopo e senso nella propria vita se resta single. Pur restando la relazione a due, tra un uomo e una donna, una vocazione che si riconosce la maggioranza delle persone, essa non è per tutti.

Ripensare in termini nuovi tanto la propria femminilità quanto la propria mascolinità e al loro essere in relazione, è possibile grazie all’opera di riconciliazione di Gesù Cristo alla croce. La quale ha comportato per coloro che credono la riconciliazione con Dio, con il creato, con sé stessi, con il prossimo e tra uomo e donna.

Leggi la Bibbia per scoprire il progetto di Dio per te, se lasci che la verità di Gesù Cristo liberi (anche) la tua femminilità. Perché è la verità che ci farà liberi, ha detto Gesù (Vangelo s.Giovanni 8,32).