Con questo gesto Gesù salvaguardia l’onore della casa di suo Padre, la cui funzione era quella della celebrazione e della preghiera a Dio. Un gesto estremo e deciso che solo in un secondo tempo i suoi discepoli comprendono come espressione di una passione vera di Gesù per la causa e l’onore di Dio Padre. Un gesto, quello di Gesù nel tempio, che fa arrossire il buonismo di molti sedicenti cristiani che non paiono indignarsi più di niente e di nessuno.

Leggi Vangelo s. Giovanni 2,13-17